LA STORIA DI DANIEL

  A scadenza biennale da metà novembre a metà gennaio ero in Italia ed a chi mi chiedeva perché durante il freddo rispondevo: “Per sfuggire, almeno ogni due anni ed un paio di mesi dalla calda estate mozambicana”. Durante una di queste pause, era il 2008, mi venne chiesto di animare la giornata missionaria che la parrocchia di in un paesello della bergamasca aveva programmato per la seconda domenica di dicembre e così, nella fredda e soleggiata giornata di quel 14 dicembre, ebbe inizio la storia che vado raccontando.
Al termine della messa “grande”, quella delle 10,30, mi avviai verso la porta principale della Chiesa dove, ad attendermi, c’era una famigliola composta da papà e mamma e tre figli che mi chiesero se potevo passare da loro. La casa era vicina e raggiungerla era facile per cui ci demmo l’appuntamento a dopo la messa vespertina. Mi raccontarono che quell’anno avevano avuto un’entrata extra né programmata né voluta che volevano condividere “a sollievo di chi non ha tutte le nostre fortune materiali”. Parlai loro della scuola secondaria che in Marracuene stava per iniziare suggerendo l’arredo di una classe e raccontai di Daniel, un ragazzo senza il papà e con la mamma che sostentava se stessa ed i figli vendendo i prodotti del suo orto. Descrissi Daniel come un ragazzo sveglio e di buona volontà che avevamo avviato ad un corso di Contabilidade (ragioneria). Dopo alcuni giorni mi fecero sapere che era nelle loro possibilità offrire l’arredo di un aula e che intendevano sostenere con una borsa di sutio gli studi di Daniel.
Daniel, concluse il curso medio de contabilidade con la soddisfazione di vedersi proclamato “miglior studente dell’anno”. D’accordo con la famiglia italiana che lo sosteneva si iscrisse all’UNISAF (Università Sacra Famiglia) di Maxixe ma, purtroppo, il corso scelto: Contabilidade (Economia e Commercio) era solo post laboral (serale). Preoccupati dal fatto che gli rimanesse tutta la giornata libera e convinti che ce la potesse fare gli proponemmo di tentare contemporaneamente la frequenza di due Corsi ed inoltrammo richiesta d’autorizzazione. Daniel ce la mise tutta e le aspettative non vennero deluse. Si rivelò il miglior alunno dei due corsi tanto da – e questa è una opportunità che le Università mozambicane offrono a chi più studia e meglio si prepara – venir annualmente dispensato dalla quasi totalità degli esami.
Nel 2014 si guadagnò pure un viaggio-premio di due settimane in Italia per l’ottima perfomance dimostrata nell’apprendimento della lingua italiana con un corso organizzato presso l’UNISAF dalla Fondazione Tovini di Brescia. In quell’occasione conobbe e passò un fine settimana con la sua famiglia “adottiva”. Con voti eccellenti Daniel ha concluso gli esami di entrambe i corsi di laurea e adesso si prepara per le due Difesas (Tesi) che discuterà a breve.

Ilidio,capitale umano

Grandi notizie dalla comunità di Marracuene: Ilidio, un ragazzo in adozione a distanza, nei giorni scorsi si è laureato! Con lui adesso sono due i ragazzi del Centro laureati a pieni voti e per Marracuene è una grande gioia, non tanto per il risultato ottenuto, quanto per il fatto che lo hanno ottenuto proprio perché sono capitati alla missione dei padri della Sacra Famiglia
Se così non fosse stato, probabilmente questo “capitale umano” sarebbe andato perso perché sarebbero a far pascolare quattro caprette e coltivare una piccola machamba.
Vi invitiamo a leggere qui di seguito quanto scritto da Fra Alessandro, vale la pena!

 

Un detto popolare recita che ‘non tutte le ciambelle escono col buco’, ma alcune sì e sono una specialità. Noi possiamo dire che non tutte le adozioni a distanza hanno una lunga durata, ma alcune sì e con risultati felici. Alcune adozioni si rivelano più fortunate di altre, senza meriti particolari delle prime né colpe per le seconde.
Due famiglie, Locatelli/Bosetti di Martinengo ed Asperti/Berti di Romano di Lombardia, nel 2007 si sono unite per sostenere con un’adozione a distanza “rinforzata”, ossia una di quelle che prevede un maggior impegno economico, Ilidio, un ragazzo di 16 anni dotato di notevoli capacità.
Venerdì 4 settembre 2015, con 7 dei ragazzi più grandi del Centro e con molta emozione siamo andati all’Università Eduardo Mondlane (la Statale di Maputo), per assistere in una sala pomposamente chiamata ‘anfiteatro do departamento de engenharia electrotécnica’ alla difesa che Ilidio doveva fare della sua Tesi di laurea che aveva per titolo ‘Projecto de um sistema automático de detecção e notificação de desvio e encortamento de rotas de transportadores semicolectivos na cidade de Maputo: caso da rota Xipamanine-Laulane’, che prima ha presentato in modo eccellente e poi difeso rispondendo alle obiezioni in un modo che dimostrava la preparazione acquisita e un’arguzia che creò un clima di grande simpatia.
Dopo essersi ritirata per il ‘conselho de nota’, la commissione esaminatrice tornò in sala e dopo il discorso di circostanza comunicò la nota finale che è stata di 18 valori, praticamente il massimo del voto conseguibile qui in Mozambico dato che, anche se la scala dei valori arriva fino a 20, si dice che il 20 è riservato a Dio, il 19 è per il magnifico Rettore, mentre al meglio dei meglio studenti va il 18.
Presenti in sala, che era piena, oltre a noi 8 del Centro c’erano un fratello e una sorella di Ilidio e tanti suoi colleghi di studio che salutarono il responso con un’ovazione ed un applauso che ci ha commossi. Prima di lasciarci la sorella concluse i ringraziamenti a noi della Sacra Famiglia e alle due famiglie che resero possibile questo successo dichiarando ‘missão comprida’ (missione compiuta).
Interessante sapere che, del gruppo di studenti che ha iniziato il primo anno di ingegneria con Ilidio, solo 4 hanno concluso il corso nel tempo fissato e di questi 4 l’unico che non ha ripetuto alcun esame è il nostro Ilidio.
Curioso sapere che il progetto, presentato ad una ‘feira de ciencias’ (concorso di scienze), ha ricevuto due premi e che il giorno successivo alla discussione della tesi il docente che svolgeva il ruolo di opponente contattò Ilidio per proporgli l’acquisto del progetto.
E noi cosa possiamo dire? Che ringraziamo Dio perché semina in tutti buoni sentimenti in attesa che qualcuno li faccia produrre, che ringraziamo chi ha messo a frutto questi sentimenti rendendo possibile i sogni di un ragazzo mozambicano, che auguriamo una vita felice a Ilidio e ai suoi familiari, che siamo felici di essere della Sacra Famiglia e di partecipare ai suoi progetti di solidarietà.
Salutiamo tutti con un commosso e riconoscente abbraccio.

Fra’ Alessandro, i Confratelli della Comunità e tutti gli alunni e alunne del Centro di Marracuene.

Dal ‘Centro Paula Elizabete’ di Montes Claros, Brasile

Tutti noi ricordiamo con nostalgia il nostro essere stati bambini e l’essere stati bambini ci porta alla mente soprattutto ricordi legati al gioco … Giocare!

“Il gioco è una forma importante di comunicazione, è attraverso questo atto che i bambini possono trasportare la loro vita quotidiana in un mondo di fantasia e immaginazione. L’atto del gioco consente il processo di apprendimento del bambino in quanto facilita la costruzione di riflessioni, l’autonomia e la creatività, creando così una stretta relazione tra il gioco e l’apprendimento.”
Ogni spazio-gioco presente in una scuola deve essere pensato e progettato come uno spazio interessante che invita il bambino a giocare, favorendo il suo sviluppo, fornendo giocattoli adatti all’educazione per tutte le fasce di età dalla prima infanzia agli anni pre-adolescienziali.
L’associazione ‘Centro Paula Elizabete’ gestita e rappresentata dalla Suore della Sacra Famiglia di Montes Claros in Brasile, grazie alle donazioni di tanti benefattori, è riuscita a costruire una piccola struttura in grado di soddisfare piccoli gruppi di bambini che ora hanno la possibilità di crearsi piccoli momenti di svago giocando. E l’arte del gioco è la prima forma di crescita!

11007738_683273038468532_8387948483101242663_n 11267758_683273058468530_2577907637239685871_n 19390_683273095135193_3981370061852665281_n

Lettera di Fra Alessandro a due genitori adottanti a distanza

Buona sera S.,
da un po’ di tempo p. Agostino mi ha chiesto di inviarti notizie della Maria, la ragazza che avete aiutato con l’adozione a distanza.
Ti riassumo brevemente cos’è avvenuto in questi anni:
1° Maria ha frequentato e concluso a pieni voti il corso di educatrice d’infanzia.
2° Invece di cercare lavoro altrove gli ho chiesto di lavorare qui al Centro dove avrebbe comunque continuato ad abitare, non avendo famiglia non avrebbe saputo dove andare.
3° E’ diventata la responsabile del gruppo delle femmine. Lei si è trovata bene e noi benissimo. E’ stata preziosissima perché vivendo con noi era presente 24 ore al giorno e si sa che con i più piccoli bisogna sempre esserci. Gli abbiamo aperto un conto in banca dove accreditava il suo salario che gli è venuto buono quando ha deciso di metter su famiglia insieme all’Ernesto, un bravo ragazzone anche lui cresciuto con noi e formato nell’area di giornalismo.
4° Lo scorso anno si sono sposati, lei a 27 anni e lui a 29. Il programma era che abitassero qui vicino in modo da poter continuare a lavorare con noi ma invece per motivi di lavoro del marito si sono trasferiti ad Inhambane, 450 km più a nord.
5° Ora hanno una bellissima bambina che ha completato i tre mesi di vita il 13 maggio 2015.
Sono informazioni scarne ma danno l’idea degli anni che sono passati e del bene che avete fatto a questa ragazza.

Un saluto cordiale a te e alle tue amiche che hanno contribuito a rendere felice una persona.
Ciao, fra’ Alessandro

Ti allego tre foto: due del matrimonio (il vestivo è arrivato in uno dei container inviato da Martinengo) ed una della bimba con me che ne sono il “nonno”(scattata martedì 13 maggio 2015).   

 

Messaggio di ringraziamento di Daniel

Pubblichiamo volentieri questa lettera che fra’ Alessandro ci ha inviato da Marracuene. E’ un messaggio di ringraziamento da parte di uno studente alla famiglia che in questi anni lo ha sostenuto economicamente e non solo. Ora ha terminato gli studi della scuola superiore e si appresta ad entrare in Università.

 

“Per primissima cosa saluto tutti i componenti della famiglia Mazzoleni, mandando i miei più sentiti auguri edaniel1 saluti. Per seconda cosa vi ringrazio per l’incoraggiamento e la fiducia che avete depositato in me giorno per giorno investendo la decima di quanto avete. Pertanto, informo che ho terminato con successo i miei tre anni di formazione nel corso di Tecnico contabile (maturità). Dico che, grazie a Dio e grazie al vostro aiuto e a quello dei padri, oggi ho la fortuna di continuare gli studi nell’Università Pedagogica Sacra Famiglia di Maxixe, e, per il gesto molto generoso che in tutti questi anni la famiglia Mazzoleni mi ha riservato, prometto sulla mia parola di impegnarmi al massimo nello studio per conseguire buoni risultati. A Maxixe studierò nella facoltà di Amministrazione, Commercio e Finanze. Chiedo ancora la vostra attenzione, nel senso di non tralasciare di collaborare con me nonostante le crisi economiche abbiano scombussolato molti paese del mondo, Italia compresa insieme a tanti altri paesi.

daniel2So molto bene che il vostro sostegno non è dato per avere qualcosa in cambio ma per il sentimento del cuore che spinge ad aiutare chi ne ha più bisogno. Ringrazio immensamente Dio per l’affetto che avete per me. Non mi dimentico di dirvi che sono stato molto applaudito da quanti erano presenti al momento della consegna del Diploma e del Certificato per essere stato segnalato come il miglior studente della Scuola. Segno questo che l’impegno è la fonte di tutte le altre cose. Garantisco il mio più grande impegno nello studio nel senso di interiorizzare tutte le indicazioni che portano una persona a percorrere la sua strada con impegno sincero, deciso e intelligente.

daniel3Ringrazio immensamente per il vostro aiuto nel comprendere la strada che Dio vuole da me perché è Lui che prepara la strada che ogni uomo, durante la sua vita, deve scoprire e percorrere. Ringrazio ancora per il vostro incoraggiamento e sostegno nella mia vita di studente e, per quanto mi compete, farò di tutto per ricompensare col miglior risultato possibile. Spero proprio che Dio riservi un’ora o un giorno ben preciso perché possiamo incontrarci. Questo momento sarà per me un miracolo.

Concludo inviando i miei saluti più sinceri.

Grazie infinite!! Daniel Magaia”

 

Ecco cosa ci scrive la madrina Lisa

Buongiorno caro Padre! Che bella iniziativa!!! Ho visitato subito in lungo e in largo il vostro nuovo sito e trovo che sia splendido,  molto ben fatto.

Ho ricevuto proprio pochissimi giorni fa da Fra Alessandro una letterina che mi ha scritto Carlalisa1 dopo aver ricevuto i regalini che le ho inviato, insieme a un paio di sue foto. Sarò felice se vorrà condividere la nostra bellissima storia online con gli altri lettori . Come potrà forse ricordare, ho avuto la possibilità di trascorrere tre giorni con Carla lo scorso agosto e abbiamo potuto conoscerci, amarci da subito ed entrare in contatto. Ora ci manchiamo così tanto una all’altra, che mi pianglisa2e il cuore sapere che sia così lontana. Per questo, ben felice, Le allego qui di seguito la letterina commovente che mi ha scritto Carla e alcune foto. Spero che possa essere utile ad lisa3incentivare l’adozione a distanza. È qualcosa di arricchente, che ci accresce umanamente e ci permette di vivere la nostra quotidianità in modo più consapevole, responsabile e diverso. Vi ringrazio tutti per il lavoro prezioso ed insostituibile che ogni giorno portate avanti.

Con affetto ed eterna riconoscenza, ogni bene.

Lisa

 

 

Lettera alla piccola Saria

Pubblichiamo la lettera che la sig.ra Alba ha voluto far pervenire a Saria, la bambina che sostiene a distanza e che vive nel villaggio di Nhapata de Palha, nei dintorni di Maxixe, in Mozambico.

Ciao Saria, sono Alba, mi ha fatto piacere avere tue notizie e sapere che ti piace andare a getFoto.phpscuola ad imparare cose che ancora non sai… In effetti continuare a studiare è un’importante opportunità ma, anche ultimati gli studi, dobbiamo continuare ad allenarci ad imparare nella “Palestra della Vita”. La mia materia preferita non è la Matematica, come per te, bensì la Musica. Infatti ho continuato a studiarla ed ora insegno a suonare la Chitarra in una scuola musicale. Mi rende felice sapere che hai dei genitori affettuosi che ti fanno sentire accudita e protetta. Ti auguro una vita lunga e serena, ricca di esperienze grazie alle quali tu possa ricevere e dare Amore, sperimentare il valore dell’Amicizia, della Fratellanza e della Fede. Ti abbraccio con affetto, Alba.

Giovane laureato a pieni voti

Il nostro caro Fra Alessandro ci scrive da Marracuene per condividere con noi la sua gioia e la sua soddisfazione per la laurea di uno dei ragazzi ospitati nel Centro Educativo di cui è direttore. Desideriamo congratularci con Eugenio per il grande traguardo raggiunto e augurargli una vita professionale ricca di soddisfazioni e nuovi traguardi.

“Carissimi, eccovi una bella notizia:

Venerdì scorso, 24 febbraio, Eugenio Pedro Manhiça, alunno del nostro Centro di Marracuene, marracuenecon la discussione della tesi finale presso l’USTM (Università São Tomás de Moçambique) ha concluso i suoi studi laureandosi a pieni voti e ricevendo i complimenti non solo dalla Prof. Relatrice ma anche dal Prof. Opponente. La Relatrice, con evidente soddisfazione mi ha poi confidato che i risultati conseguiti da Eugenio sono i migliori fin’ora ottenuti alla facoltà di Diritto dell’USTM.

E’ questo un bel traguardo per tutti: per Eugenio che ha potuto mettere a frutto le sue capacità intellettuali; per chi da anni con costanza ha sostenuto generosamente l’onere economico e per noi tutti della Sacra Famiglia che possiamo veramente dire di essere riusciti a dare futuro ad un ragazzo che diversamente ne avrebbe avuto uno ben diverso.

 

Eleviamo una preghiera riconoscente alla nostra Fondatrice, la Santa Paola Elisabetta Cerioli, per averci condotti fin qui in Mozambico.

Un saluto cordiale a tutti, Fra’ Alessandro

 

Marracuene, 28/02/2012″

Ecco Bianda!

2012_8281Bianda è una bella bambina che ha appena compiuto il suo primo anno di età, è molto dolce e affettuosa e sta crescendo regolarmente, in buone condizioni di salute. Vive nei dintorni di Maxixe insieme ai genitori, in una casupola fatta di paglia e canne, una delle poche capanne della zona provvista di acqua e corrente elettrica. Il papà della bambina lavora come muratore presso una ditta del posto mentre la mamma è molto giovane e sta ancora studiando ma nel tempo libero coltiva la terra del loro orto per avere frutta e verdura da vendere al mercato. Bianda non sta ancora frequentando la scuola dell’infanzia perché troppo piccola, però è una bambina socievole e gioca volentieri con le altre bambine, soprattutto con le bamboline che sua mamma le prepara con un po’ di paglia e stoffa. La famiglia ringrazia di cuore i padrini per tutto l’aiuto che stanno dando alla bambina sostenendola a distanza.