Domenica – 3° di Quaresima

12705329_10153968089499375_731904096345032240_nVangelo Lc 13, 1-9
… «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo»…
___________________________________________________

La parola conversione (che si addice molto a questo periodo di Quaresima) in greco è più significativa che in italiano. Convertirsi, in italiano, vuol dire voltarsi, fare una “manovra a U”, ritornare indietro, guardare qualcos’altro. Invece, in greco, è sempre conversione, però è la conversione della mente. Il Signore, quindi, chiede il cambiamento di mentalità che è sempre Peffetto di un incontro, e di un incontro con una persona molto precisa: Gesù. Nella misura in cui Cristo vi prende da dentro, voi diventate adulti. La nostra vita non è più legata alle circostanze o agli umori delle persone, al fatto che le persone siano buone o cattive, brave o no. Quando la nostra vita è ancora legata alle situazioni esterne, vuol dire che ancora siamo tanto infantili. Vuol dire che Cristo non domina in noi! Ricordatevelo sempre: tutte le stanchezze, gli avvilimenti, le delusioni, vengono da noi. Dal Signore viene la capacità di immolarsi per le anime per sempre! È dal Signore che viene la vita e la mia ricompensa non è qualcosa, ma è lui che mi ha agganciato a sé, e con lui vivo portando avanti la redenzione.

Sabato – 2° di Quaresima

12767960_10208673130456150_937828703_oVangelo Lc 15, 1-3.11-32 

… «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”… Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio… Si alzò e tornò da suo padre… suo padre lo vide, ebbe compassione …. “Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”… Il figlio maggiore si trovava nei campi… “ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”… ».
______________________________________

Non va tanto accentuato il fatto del figlio che si era perduto perché la parabola è tutta incentrata sul fratello che non lo ha voluto accogliere. La parabola non è per il peccatore, ma per il fratello che non l’ha accolto; era rivolta al popolo ebraico che non voleva ricevere i pagani. Infatti, il grande problema sono i fratelli che non accolgono. «Ha sperperato tutto il denaro in bagordi e prostitute e tu gli fai anche festa, bella giustizia, ma mandalo via!» e il padre invece gli dice: «Figlio mio, tu sei sempre stato con me, quello che è mio è tuo, questo figlio era morto, è resuscitato, era perduto ed è ritornato». Il problema era questo: quel figlio era stato sempre nella casa del padre, ma non era mai entrato nel cuore del padre. Quando diventiamo esigenti verso gli altri, e prima non ci chiediamo se per caso abbiamo la trave nei nostri occhi , sarà meglio che facciamo un’ora di adorazione! Solo entrando nel cuore del Padre si capisce, si fa festa! Per capire queste cose dovete stare con Dio!

Venerdì – 2° di Quaresima

.facebook_1456389597283Vangelo Mt 21, 33-43.45-46

… «Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo che possedeva un terreno e vi piantò una vigna… La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono… »… «… Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti». Udite queste parabole, i capi dei sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro…

_________________________________________________

Gesù viene crocifisso per invidia dei capi, ma nel medesimo tempo quella morte libera tanti e tanti dal dominio dell’invidia. Quella morte espia il peccato d’invidia, cioè purifica (espiare = purificare) gli uomini da quel peccato e apre una nuova via nei rapporti umani. Allo stesso modo tutti coloro che portano su di sé le conseguenze dei peccati degli altri (gli «angeli crocefissi»), uniti a Gesù espiano (purificano) tutti coloro che vengono a contatto con loro ed avviano un processo di purificazione che si estende sempre più. Così si forma un nuovo popolo, il popolo santo di Dio.

Pellegrinaggi 2016

Il Santuario Madonna della Bozzola sito a Garlasco (Pv) in collaborazione con il Centro Missionario Sacra Famiglia, propongono questi itinerari spirituali nell’anno della Misericordia e nel 200° della nascita di Santa Paola Elisabetta Cerioli.

Anche il Centro educativo di Martinengo con i religiosi propongono un pellegrinaggio-gita a Roma.

Buon Anno Santo

12341545_10154405195515476_8906794911610284779_nIeri 13 Dicembre,nel mondo intero sono state aperte le porte di migliaia di chiese in occasione dell’Anno Santo della Misericordia. Anche noi abbiamo voluto aprire simbolicamente la porta della Chiesa di Mongue,nostra missione mozambicana: non una porta di bronzo né di materiale prezioso ma di foglie di cocco. Non una cattedrale imponente ma una Chiesa di paglia, molto semplice, come semplice è la gente che ha pregato con noi. Buon Anno Santo a tutti!